C’è un piccolo mago che vive in collina
gioca con le parole come fosse un bambino
le gira e le volta, le dà in pasto alle capre
ti guarda e sorride ti legge nel cuore
lui stampa e ristampa lettere nuove
che vanno a raggiungere i confini del tempo.
Come un elfo sornione attraversa i pensieri
colora di bello le parole più grigie
le rende leggere che volano via
prova a guardare i suoi occhi lucenti
sarà tuo amico se solo ti parla.
Nella sua casa cucina per te
le parole le frigge le bolle le cuoce nel forno
ti invita a mangiarne finché non sei sazio
con quelle parole a volte fa il sarto
le taglia le cuce ci fa dei vestiti
degli abiti belli con cui passeggiare
colori sfacciati modelli esclusivi
i disegni che fa sono gocce di pioggia
camminaci in mezzo non portare l’ombrello
perché i suoi colori ti diranno che sogni
sorridi felice, piangi se vuoi
fai capriole e poi grida di gioia
è questo che vuole il piccolo mago.

Altre poesie:

Cassetti | Avevo un nonno | C’e’ un uomo | Per Fausto Taiten Guareschi | Tengo d’occhio le nuvole | Angeli | Occhi che vedeste